Infrazioni al Codice della Strada notificati via posta

Nel caso in cui venga recapitato per posta (tramite raccomandata A/R) un verbale di infrazione al Codice della Strada, senza che sia avvenuta la contestazione immediata in strada, significa che il verbale è stato elevato ai sensi dell'art. 201 del Codice della Strada (di cui al D.Lgs 285/1992) e degli artt. 384 e 385 del Regolamento di attuazione del Codice della Strada (di cui al D.P.R. 495/1992). Si ricorda che gli organi di Polizia Stradale (di cui all'art. 12 del Codice della Strada) tra i quali rientra la Polizia Locale, hanno 90 giorni di tempo dall'accertamento della violazione per notificare il verbale. Il recapito del verbale equivale alla notificazione da cui l'avvio dei termini per i successivi pagamenti/ricorsi.

Il verbale sarà indirizzato, secondo quanto previsto dall'art. 386 del Regolamento di attuazione ("Notificazione dei verbali a soggetto estraneo") all'intestatario del certificato di proprietà o ad uno dei soggetti indicati all'art. 196 del Codice della Strada ("Principio di solidarietà"), ovvero: proprietario del veicolo o del rimorchio, usufruttuario, acquirente con patto di riservato dominio o l'utilizzatore a titolo di locazione finanziaria. Si trova riscontro di questo aspetto nel verbale dove la sezione dedicata alle generalità del conducente risulta vuota, mentre la sezione relativa all'obbligato in solido riporta i dati assunti dalle banche dati ministeriali.

Si configurano pertanto due possibilità: effettuare il pagamento del verbale oppure proporre ricorso.

Per le modalità e i termini per il pagamento si rimanda alla pagina generale.

ATTENZIONE!

Qualora la violazione comporti la decurtazione di punti dalla patente di guida dovrà essere compilato l'apposito modulo, allegato al verbale di contestazione, e denominato "Comunicazione dati conducente" (qualora smarrito è scaricabile al seguente link) in cui si inseriranno i dati, se noti, dell'effettivo trasgressore. E' importante compilare tale modulo: se non venisse compilato ed inviato all'Ufficio di Polizia Locale oppure l'effettivo trasgressore risultasse ignoto, sarà elevato un ulteriore verbale ai sensi dell'art. 126 bis c. 2 ("Omessa comunicazione dei dati di conducente non identificato") entro 90 giorni dalla scadenza dei 60 giorni previsti per il pagamento in forma ridotta del primo verbale.